sensitivita

Un sensitivo è semplicemente un individuo che riesce a percepire in maniera profonda sensazioni e stati d’animo delle persone come vivendoli e facendoli propri

La sensitività quindi nulla ha a che vedere con i miracoli, il sensitivo semplicemente riesce a inquadrare al meglio una determinata situazione, aiutando a fare chiarezza su ciò che è avvenuto ed eventualmente consigliandoti i comportamenti migliori da tenere per risolvere un problema.

La sensitività come dote applicata all’esoterismo è utile in quanto il sensitivo che di professione fa l’operatore esoterico è in grado di capire in maniera precisa dove intervenire per cercare di risolvere una determinata situazione dal punto di vista esoterico aumentando quindi le probabilità di successo dell’intervento stesso. Riportando quella che è la mia personale esperienza di sensitività naturale è come se a volte (la sensitività non è a comando) mi sentissi privato di quella naturale barriera tra me e l’altro e riesco per così dire ad entrare nella persona che ho davanti o magari al telefono.

L’esperienza mi ha aiutato a conoscere l’animo umano in maniera veramente particolare e quindi riesco a capire le varie situazioni in maniera sorprendente e a fare chiarezza sulle cose che stanno più a cuore. Essere sensitivi non è sempre un vantaggio, soprattutto nei casi in cui il sensitivo sceglie di fare l’operatore esoterico: spesso il sensitivo assorbe come una spugna le negatività che coloro i quali si rivolgono a lui trasmettono perché stanno vivendo situazioni spiacevoli ed essendo privo di quella naturale barriera le vive come proprie soffrendo, così da capire fino in fondo ciò che la persona prova e sta attraversando.